Come tutelare gratis o quasi le proprie opere? Musica, foto, testi, video…

Tutelare una propria idea o creazione è una delle necessità più sentite di artisti, produttori di musica, testi, foto o video inediti.

E’ possibile con qualche stratagemma poter fissare la paternità di una propria opera intellettuale in una certa data?
Con gli anni si sono sviluppati molti trucchi per evitare le noiose e costose trafile degli appositi enti (come la SIAE).
Ecco due valide soluzioni:

1) Il pacco sigillato
E’ sufficiente inviare a se stessi un pacco sigillato con raccomandata AR. All’interno del pacco ovviamente si potrà deporre qualsiasi elemento che si decide di voler tutelare: spartiti, testi, brani e ogni altro dettaglio utile ad indentificare l’opera.
Attenzione: a fare fede sulla data di paternità sarà il timbro postale. Una volta ricevuto assicuratevi che sia ben leggibile.

2) CopyZero
CopyZero è un movimento/associazione nato proprio per trovare un meccanismo che tuteli il diritto d’autore. Il servizio è gratuito, ma riservato ai sostenitori economici dell’associazione stessa. Non esiste una quota fissa da contribuire all’associazione. Ognuno versa ciò che vuole (va bene anche 1 Euro!), diventando così abilitato all’invio delle proprie opere in forma digitale.
Copyzero provvederà ad apporre una marca temporale (emessa tramite l’ente accreditato CNIPA) ai files che saranno quindi tutelati per 5 anni.
Sul sito ovviamente è presente una veloce e dettagliata guida sui passaggi da eseguire per l’utilizzo di questo comodo servizio.

Leggi anche:

Posted in Musica, Studio e istruzione and tagged , , , , , , , , , , , , , , , , , , , .

One Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *