Come aprire e una noce di cocco

Cocco è sinonimo di estate.
Forse perché sulle nostre spiagge, specie quelle del sud Italia, il venditore ambulante di questo freschissimo frutto che urla ai quattro venti ‘Cocco bello, cocco fresco!‘ o ‘Vitamine, Africa, Cocco!’ è quasi una figura mitologica.

Magari capita di mangiare un pezzo di cocco più frequentemente in spiaggia che a casa propria. Nonostante i nostri supermercati ne siano ben forniti e a prezzi competitivi.
E perché mai? Vi lascerete mica intimorire dall’apertura della dura noce? Giammai!


Aprire e pulire una noce di cocco è in realtà abbastanza semplice.
Basterà dotarsi di un cacciavite piatto e lungo (ben pulito) e di un martello.
Si inizia a martellare il cacciavite dall’alto, sui tre occhielli tipici della noce. Si tratta del punto di più facile apertura. Una volta forato il frutto è possibile recuperare il latte di cocco, il liquido contenuto all’interno, dentro una ciotolina. Inevitabile sarà la caduta di qualche pezzo di guscio. Niente paura: durante lo sversamento filtrate il tutto con un piccolo filtro da cucina.


Questo latte potrà essere utilizzato, allungato con un po’ d’acqua, per immergervi e conservare i pezzi di cocco. In realtà io ne sono molto ghiotto e vi consiglio di raffreddarlo per un poco in frigo per poi farvene una bevuta davvero gustosa.

In rete ho visto che qualcuno proporre di utilizzare un apribottiglie per forare la parte superiore della noce di cocco. E’ sicuramente un via più sicura, ma forse meno veloce.

 

 

A questo punto bisogna afferrare decisamente la noce tra le mani e colpirla con forza nel mezzo. Dopo qualche martellata decisa il cocco si spaccherà in due e a voi non resterà che completare l’opera con le mani.

 



Se il frutto è ben maturo (cosa rara per quelli solitamente disponibili nei supermercati italiani) la scorza si separerà dalla polpa con facilità.
Se invece il tutto forma un unico blocco, con il cacciavite cominciate a entrare nell’attaccatura tra scorza e polpa. Quest’ultima si solleverà. Ripetete l’operazione più volte per pulire completamente il guscio.

A questo punto non vi resta che sciacquare il pezzi di cocco e conservarli al fresco in frigo,  in un recipiente pieno d’acqua e (se non è sparito ;)) di latte di cocco.

Buona scorpacciata.

Leggi anche:

Posted in Ricette e cucina, Trucchi per ogni giorno and tagged , , .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *