Come aprire una fascetta

Le fascette di plastica, anche conosciute come fascette per cablaggio, sono uno strumento molto utilizzato da chi realizza lavori di raccolta fili o fissaggio di oggetti e parti in plastica e metallo.
Se per caso si è chiusa la fascetta che avevate fra le mani esiste una tips davvero banale che permette di recuperarla.

Aprire una fascetta di plastica

Non precitatevi con forbice o pinza a spezzare la fascetta! E’ possibile aprirla e riciclarla con un poco di pazienza.
Tutto ciò di cui si ha bisogno è un cacciavite con la punta piatta piccola o un ago da cucire molto resistente (ma qualsiasi oggetto piccolo ed appuntito può fare al caso).

Osservate con attenzione la testa della fascetta per capire come funziona: l’aggancio si ottiene con il contrasto che la clip fa sulla cerniera rigata lungo il corpo della fascetta. Una volta inserita la coda nella testa si ottiene un cappio che è possibile solo stringere.
Ovvio quindi che bisogna agire sulla linguetta di plastica che si aggancia dentro la dentatura e non permette di tirare.
Bisogna solo provare ad inserire il cacciavite all’interno del punto di blocco, tentando di sollevare la linguetta. Con calma e senza troppi sforzi sarà possibile sfilare il corpo dalla testa.

Fascette riutilizzabili

Vi serve spesso riutilizzare le fascette che applicate? Tenete presente che sul mercato sono in vendita modelli specifici che è possibile rilasciare e riutilizzare quindi con maggiore semplicità. Questi modelli permettono di rimuovere senza problemi il blocco e non costano troppo in più rispetto la versione classica.

Prestate attenzione

Le fascette nascono per essere praticamente applicate, non per essere sfilate. Prestate quindi attenzione a non pungervi o tagliarvi mentre sollevate la linguetta.

Leggi anche:

Posted in Utilità and tagged , .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *