Elezione del nuovo Papa: come funziona il Conclave

Nelle scorse settimane abbiamo appreso la notizia improvvisa delle dimissioni di papa Benedetto XVI dall’incarico di pontefice dopo quasi otto anni.
Papa Ratzinger dal 28 febbraio è a Castel Gandolfo, dove ha tenuto il suo ultimo discorso e salutato i fedeli prima che le guardie svizzere chiudessero il portone segnando così il suo ritiro. Ora la sede papale è vacante e la chiesa cattolica è senza la sua guida spirituale.


La notizia ha lasciato sorpresi e perplessi milioni di fedeli, suscitando sospetti e timori su questo improvviso abbandono.
C’è chi vede l’ombra della cospirazione dietro le dimissioni del pontefice, con l’influenza dei poteri o la realizzazione di oscure profezie.
Fatto sta che è ancora nitido il ricordo di papa Giovanni Paolo II che fino all’ultimo, con la sua debole e ormai critica salute, portò al mondo la croce della propria sofferenza e fede.

Come avviene l’elezione del Papa

Ma vediamo quali sono le modalità con le quali avverrà il conclave, che con ogni probabilità si terrà l’11 Marzo 2013.
Il conclave prenderà luogo nella Cappella Sistina, ed a scegliere il 226imo Vescovo di Roma saranno 115 cardinali tra i 208 esistenti. Tale limitazione è correlata all’età dei cardinali: non possono prendere parte all’elezione del papa i cardinali che abbiano superato l’ottantesimo anno di vita.

Il conclave

Durante gli scrutini i cardinali sono chiusi all’interno della cappella Sistina senza nessuna possibilità di comunicare con il mondo esterno. La parola conclave in latino significa appunto chiuso a chiave.
Perché un cardinale sia eletto papa è necessaria la maggioranza di due terzi dei votanti. Se ciò non accade si riprenderà con una nuova votazione fino al raggiungimento della maggioranza. Ci sarà una sola votazione il primo giorno, mentre dal secondo giorno ne saranno possibili due la mattina e due la sera.

La fumata


Le schede di ogni votazione verranno bruciate in una stufa all’interno della cappella ed il fumo della combustione sarà visibile ai fedeli all’esterno.
Se lo scrutinio è di esito negativo il fumo sarà di colore nero, mentre se di esito positivo di colore bianco.
Tale differenza scaturisce dal tipo di legno fatto bruciare insieme le schede.

Urbi et Orbi

Quando la fumata sarà bianca significherà che il nuovo Papa è stato scelto dal conclave.
Si passerà alla vestizione dell’eletto che verrà presentato ai fedeli riuniti in piazza San Pietro, dove verrà celebrata la benedizione Urbi et Orbi dal nuovo pontefice.

Leggi anche:

Posted in Cosa è, Cultura and tagged , , .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *