Zeppole di San Giuseppe, la ricetta

La zeppola è una ciambella tipica di alcune regioni del Sud Italia.
Il dolce ha origini antichissime: nacque intorno al 500 a.C. a Roma, quando nel giorno 17 marzo iniziavano i festeggiamenti delle Liberalia, feste delle divinità del vino e del grano; si bevevano fiumi di vino mescolato a miele e spezie, e si friggevano frittelle di frumento nello strutto bollente.
Sembra però che la ricetta attuale delle napoletane zeppole di San Giuseppe sia opera del famosissimo Pintauro che, si dice, fu anche l’ideatore della sfogliatella.


La ricetta

Ingredienti e dosi per 6 persone

Per le Zeppole:
300 gr di farina
6 uova
250 gr di strutto
300 ml di acqua
1 pizzico di sale
3 cucchiai di zucchero
abbondante olio per friggere
amarane sciroppate q.b.
zucchero a velo q.b.
Per la Crema:
1 litro di latte
150 gr di zucchero
6 tuorli d’uovo
100 gr. di farina
2-3 cucchiai di fecola
1 buccia di limone


Mettere in una pentola antiaderente lo strutto, lo zucchero e l’acqua; iniziare la cottura a fuoco moderato.
Quando inizia a bollire, aggiungere farina e sale; mescolare con un cucchiaio di legno, continuamente, per evitare che si attacchi.
Quando il composto risulterà omogeneo, si staccherà dalle pareti della pentola; toglierlo dal fuoco e aggiungere le uova, una per volta, amalgamando bene.
Preparare dei riquadri di carta da forno, mettere l’impasto in un sac à poche munito di beccuccio a forma di stella ed approntare le zeppole in forma di ciambella su ognuno dei riquadri.
Preparare una grossa pentola con abbondante olio per friggere, ed una volta bollente immergerle con tutta la carta da forno che verrà eliminata appena le zeppole saranno cotte.
Mettere le zeppole su della carta assorbente e lasciarle raffreddare.
Ovviamente il dolce viene realizzato spesso anche al forno, per rendere più digeribile la golosa creazione. Lo abbiamo già detto però: come da tradizione la vera zeppola di San Giuseppe è fritta!

Per la Crema

Riscaldare il latte in un pentolino; da parte amalgamare zucchero con tuorli d’uovo, farina e fecola.
Quando il latte inizia a bollire unire gli ingredienti e mescolare senza interruzione; infine aggiungere la scorza del limone.
Continuare la cottura fin quando il composto non diventa cremoso.

La guarnizione


Farcire le zeppole con la crema (servendovi del sac à poche).
Decorare l’estremità superiore con abbondanti amarene sciroppate e zucchero a velo.

Un connubio unico di sapore e tradizione. Avete trovato utile la ricetta? Segnalatecelo nei commenti o sulla nostra pagina di Facebook.

Leggi anche:

Posted in Ricette e cucina and tagged , , .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *