Cesso otturato: come liberarlo

Water, gabinetto, latrina. Cesso.
Ora, comunque lo definiate, della carta igienica o del materiale organico lo hanno otturato.
E, a meno che non abbiate la volontà (e possibilità) di chiamare un idraulico, non resta che rimboccarvi le maniche ed operare direttamente.

Esistono vari metodi che permettono di sturare il water.
Uno dei più funzionali ed eleganti è il seguente: avvolgete molto strettamente attorno ad un mocio vileda una busta di plastica, come quella della spazzatura. Infilate il tutto nella tazza ed andate su e giù con forza, tirando anche lo sciacquone. La busta di plastica agirà da ventosa. Dopo un paio di movimenti decisi, se l’ostruzione non è enorme, dovreste apprezzare un grosso miglioramento.

Il metodo dello strofinaccio, utilizzato da molti (ma che personalmente reputo meno efficace), si basa su un principio simile al precedente.
Con uno strofinaccio si prova a creare una depressione tirandolo su e giù per il buco del water.

Altra strada potrebbero essere i prodotti specifici in vendita anche nei grossi supermercati. Se ne versa un’abbondante quantità nel gabinetto e si lascia agire per una nottata intera, sperando che il giorno dopo tutto fili liscio al tiro dello sciacquone.

Provate però, prima dell’acquisto di tali prodotti (che sono pure inquinanti) a versare nel water dell’acqua bollente con un po’ di soda caustica, e lasciate agire per un po’. A volte funziona.

Se invece pensate che i metodi meccanici siano più efficaci provate a chiedere al vostro ferramenta di fiducia un’apposita sonda a molla che si utilizza in tali situazioni.
Si tratta di un lungo cavo in ferro con all’estremità una manopola. Si infila la testa della sonda fin dove si arriva e si inizia a girare la manovella. L’estremità dovrebbe scavare e arpionare il corpo estraneo, rimuovendolo e liberando lo scarico.

 

Buona fortuna! 😉

Posted in Trucchi per ogni giorno and tagged , , , , , .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *