Come recuperare file cancellati

Molte volte cadiamo nel panico nello scoprire che un file è stato cancellato definitivamente per errore, sia che si tratti di una foto/mp3 presente su una scheda di memoria che di un documento di testo salvato sul PC.
Quello che non tutti sanno è che quando un file viene eliminato, anche dal cestino, è possibile comunque recuperarlo con l’uso di appositi software. Questo perché i dati che compongono il file non vengono subito fisicamente sovrascritti dal sistema operativo. Semplicemente quest’ultimo ne inibisce la visualizzazione rendendo i settori interessati dall’hard disk disponibili alla scrittura.

Operare velocemente

Essenziale quindi agire con la massima urgenza ed attenzione per evitare che i settori ove sono contenuti i dati vengano utilizzati. Massima velocità nell’operazione, evitando di effettuare movimenti di scrittura e riservando l’uso del PC alla sola azione del recupero.

Che programma usare

Il nostro software preferito è Recuva. Il programma, oltre ad essere gratuito, è disponibile anche in versione portatile, utilizzabile da una qualsiasi chiavetta USB senza doverlo per forza installare.

Cosa recupera Recuva

  • Files perduti in PC, hard-disk portatili, fotocamere e lettori mp3
  • Files da dischi formattati o danneggiati
  • Documenti di Word non salvati o persi a causa dell’improvvisa interruzione del programma

  • Recuva può anche essere utilizzato per cancellare definitivamente files presenti su un supporto, in modo tale che altri non possano recuperarli, tutelando quindi la nostra privacy.

    Cosa fare per recuperare i file

    L’utilizzo del programma è molto semplice. Ecco una breve procedura:
    1. Scaricare Recuva dal sito ufficiale e procedere all’installazione.
    2. Scegliere o collegare il dispositivo da cui recuperare i files.
    3. Si attiverà la procedura guidata. Cliccare su “Next”
    4. Scegliere il tipo di file da recuperare (Foto/Musica/Documenti/Video/Email/Altro)
    5. Scegliere se cercare su tutto il dispositivo, scheda memoria, cartella Documenti o specifica cartella
    6. Per una scansione approfondita, selezionare “Enable Deep Scan”. Cliccare poi su “Start”.

    Una volta conclusa la scansione, i risultati verranno presentati in un elenco. Per quelli segnalati in verde lo stato dei dati è ancora buono e non dovrebbero esserci problemi nel ripristino. Non dovete fare altro che selezionare ciò che volete recuperare e premere il tasto “Recover”: tutto sarà salvato nella cartella che avete specificato.

    Il procedimento è molto semplice, tuttavia non esitate a scriverci nei commenti per ulteriori spiegazioni o risoluzioni di eventuali problemi.

    Piccola curiosità: Recuva è un programma sviluppato dalla software house Piriform, che produce anche CCleaner, il noto programma specifico per la cancellazione veloce di cronologie e dati personali.

    Posted in Informatica and tagged , , .

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *